Sarda News - Notizie in Sardegna


Solinas & C. bloccano la regione e nessuno s’indigna

Amsicora

Alla faccia della governabilità. La legge truffa FI/PD della fine del 2013, ancora imperante, dà ora all’uno ora all’altro un iperpremio di maggioranza, 36 consiglieri su 60 con meno del 50% dei voti validi e meno del 25% del corpo elettorale sardo, ma di governo non se ne vede l’ombra. A distanza di oltre due mesi dalle elezioni la giunta è ancora da fare. E nel frattempo, il Consiglio fa melina, usa strumentalmente Sa Die per far ciò che si può fare in un bel convegno istituzionale sulla storia di fine settecento/primo ottocento in Sardegna. Si usano vergognosamente fatti e protagonisti della politca sarda di un tempo tormentato per nascondere l’inerzia sul piano del governo e dell’attività consiliare. Tutto è paralizzato anche le commissioni. Ha ragione Vito Biolchini[1] uno scandalo in barba al decisionismo parolaio di Salvini: un quarto d’ora - diceva in cmpagna elettorale - per scegliere gli assessori e fare il governo regionale. E ora dov’è? A difendere Siri in odor di malaffare?
Che il PD e il centrosinistra tacciano è comprensibile. Col centrodestra c’è una corrispondenza d’amorosi sensi di cui la legge truffa regionale è il manofesto: una volta a te, una a me, tutti gli altri fuori. Nessuna sorpresa, dunque, l’inerzia di Zedda e compagni. Lo sarebbe una loro ferma opposizione, una presa di posizione dura, una levata di scudi. Niente di nuovo sotto il sole. Ciò che stupisce è, invece, l’amminchiamento dei consiglieri pentastellati. Sono entrati in Consiglio baldanzosi e paiono come quesi giocatori in eterno riscaldamento che non entrano mai in partita.Di solito il Movimento, anche in modo colorato, assume iniziative di forte impatto. Ricordate quando salirono sul tetto di Montecitorio per protestare contro lo scasso costituzionale di Renzi? Fu una bella iniziativa. Qui amminchiati ad attendere che lor signori facciano funzionare esecutivo ed assemblea. Ma non è il caso di dar corso a iniziative clamorose. Vito suggerisce unìoccupazione dell’aula consiliare. Ottima idea. Ma basterebbe anche salire sul tetto del Consiglio di via Roma e rimanerci a turno fino allo sblocco della situazione. Ne parlerebbe la stampa nazionale, Salvini verrebbe messo alla gogna per il suo fare inerziale o fanfaronismo, ma sopratutto i sardi avrebbero subito l’esatta percezione del nulla da cui siamo retti.
Insomma, una cosa è certa. Non c’è maggioranza. Ma sorge il dubbio che non ci sia neppure opposizione. Se non è così qualcuno batta un colpo! Noi siamo pronti a dare manforte.

References

  1. ^ Vito Biolchini (www.vitobiolchini.it)

Fonte: Democrazia Oggi


Sarda News non rappresenta una testa giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.



Booking.com







Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie