Sarda News - Notizie in Sardegna


Il centrosinistra è in caduta libera, serve una vera sinistra in Europa [di Felice Besostri]

bandiere_rosse-

Left. L’unico giornale di sinistras 8 ottobre 2018 . Nel Parlamento europeo uscente i gruppi dei Socialisti e democratici, Sinistra unita europea e Verdi hanno il 39,51%, una percentuale inferiore a quella raccolta in Italia dal solo membro del Pse, il Pd svettante solitario al 40,81%, superato soltanto dai laburisti maltesi con il 53,39%, ma appena 134.462 voti: un niente rispetto ai 11.203.231 voti di Renzi alle elezioni europee 2014, che supera persino gli 8.807.500 della Union della Merkel, il partito leader del Ppe.

Pse e Ppe con 410 seggi su 751, cioè il 54,8% si spartiscono i posti più rilevanti. Il Pse con 40.202.068 voti è il primo partito europeo avendo due milioni di voti in più del Ppe. Preistoria, proiettando i risultati delle elezioni nazionali degli ultimi cinque anni il predominio Ppe-Pse è finito.

Il primato in voti del Pse con la scomparsa del Psf e la Brexit, che si porta via 4.020.646 voti laburisti, è un ricordo di un passato che non tornerà tanto presto, forse mai. A sinistra, se Sparta piange, Atene non ride. La Sinistra unita europea, che era già un’alleanza, che nascondeva differenze e diffidenze, è ormai divisa da Mélenchon e dalla sua avversione per Tsipras.

La stessa esperienza di Syriza simbolo di un’altra sinistra possibile ha due figure simboliche alternative in Tsipras e Varoufakis. Ma il fatto vero è che le perdite dei partiti del Pse non sono state recuperate a sinistra se non in Grecia e Spagna, ma anche in questi casi non totalmente e la somma di Pasok e Syriza o di Psoe e Podemos non raggiunge quella Pasok e comunisti e Psoe e Pce nei loro tempi migliori.

In questo quadro la situazione dell’Italia appare la più desolante: una volta era composta da socialisti e comunisti che nel 1946 erano il 33,73%, e dovettero attendere il 1958 per avvicinarsi a quella percentuale stando all’opposizione. Ancora nel 1963 Pci e Psi su posizioni in contrapposizione avevano il 35,15%.

Le vicende successive a partire dal 1992 cambiano politicamente la sinistra storica con la scomparsa dell’area socialista. La vittoria dell’Ulivo nel 1996 ha solo rinviato i problemi e l’ultima illusione è stata la vittoria del 2013, grazie ad una legge elettorale incostituzionale. In quella legislatura si è consumata la rottura tra la sinistra, in realtà geneticamente mutata in un ibrido di centro-sinistra, e la Costituzione e la democrazia parlamentare.

La responsabilità non è solo del Pd renziano, a sua volta prodotto della conversione alle leggi elettorali maggioritarie: vincere senza avere la maggioranza era più importante di saper per cosa. Non si perseguiva un’alternativa politica al neoliberismo, ma neppure l’attuazione della Costituzione, dopo la vittoria al referendum del 4 dicembre.

Dovrebbe essere evidente anche senza gli studi dei flussi dell’istituto Cattaneo, che nuovi elettori di M5s e Lega vengano da un deluso fronte del Noi. È credibile una sinistra che elegge suo esponente di punta chi – come presidente di una Camera – ha inferto un colpo senza precedenti alla centralità del Parlamento privilegiando l’esecutivo e proprio su una legge elettorale per di più incostituzionale?

Non si riacquista affidabilità se non si riesce ad indicare un proposta che sia una chiara, comprensibile e realista a problemi importanti come le politiche migratorie o la lotta alla disoccupazione.

Una sinistra capace soltanto di denunciare i futuri prevedibili attacchi alla Costituzione, ma non come darvi attuazione a cominciare da una propria riforma che anticipi una legge sui partiti politici come richiede l’articolo 49 della Carta, o invertire la tendenza alla privatizzazione a cominciare dalla gestione delle autostrade, non necessariamente con un intervento statale, ma pubblico in senso lato comprese le comunità di lavoratori o di utenti (art. 43 Cost.).

Invece ci si divide tra sovranisti ed europeisti, come se la democrazia fosse solo nazionale e l’Europa ideale quest’Europa.

 

vedi su sardegnasoprattutto


Sarda News non rappresenta una testa giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.



Booking.com







Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie