Sarda News - Notizie in Sardegna


Cagliari, “torna” Massimo Zedda e attacca Truzzu: “Il centrodestra rivuole i vitalizi, pensano solo ai loro privilegi”

Cagliari, “torna” Massimo Zedda e attacca Truzzu: “Il centrodestra rivuole i vitalizi in consiglio regionale, pensano solo ai loro privilegi”. In piena campagna elettorale a sostegno della Ghirra, l’ex sindaco di Cagliari va all’attacco del centrodestra con un lungo post su Fb: “La prima proposta di legge della maggioranza leghista e sardista, illustrata ai capigruppo dal presidente del Consiglio regionale, riguarda il ripristino, comunque lo si voglia giustificare e definire, degli assegni vitalizi da riconoscere ai consiglieri regionali.
Non la continuità territoriale, non la vertenza latte, non il porto canale di Cagliari, ma dopo tre mesi la prima legge è per le pensioni dei consiglieri regionali.

Dicono sempre: “prima gli italiani, prima i sardi”.
Ma la verità è che pensano solo a se stessi.
Pensano solo ai privilegi e alle pensioni per i consiglieri regionali.

Sono trascorse poche ore dall’anniversario della scomparsa di Enrico Berlinguer, ma io scelgo la questione morale che per me non è dimenticata.

La proposta è sostenuta dai capigruppo di maggioranza, compreso quello del partito Fratelli d’Italia dell’onorevole Truzzu, candidato alla carica di Sindaco di Cagliari. Contrari i capigruppo dell’opposizione.

La spesa, a carico delle cittadine e dei cittadini, nel bilancio regionale, per il solo 2019 è pari a 1.149.984 €, che si ripeterà per gli anni a venire di questa legislatura per un totale di 5.749.920€

Ho già rinunciato una volta, dimettendomi, appena proclamato Sindaco, dalla carica di consigliere regionale poche settimane prima di maturare la pensione, a un vitalizio che sarebbe stato di 1.850 euro al mese, dopo solo due anni sei mesi e un giorno, che avrei percepito al compimento del sessantacinquesimo anno di età.
Con due legislature, la precedente normativa prevedeva un vitalizio di quasi 4.000 € netti al mese al compimento del sessantesimo anno di età e così via.

Un insegnante, un dipendente, nel pubblico e nel privato, un commerciante e un imprenditore, un libero professionista, dopo 41 anni di lavoro, percepiscono una pensione di 1.450 € al mese, a seconda dei contributi versati.

Non ho problemi, come non ne ho avuto a rinunciare già una volta al vitalizio, a dichiarare oggi la mia assoluta contrarietà a questa proposta di legge che, se approvata, contribuirebbe a garantire privilegi a pochi e ad aumentare la distanza tra la politica e i cittadini.

Mi sembra che lo slogan, che questa maggioranza leghista e sardista utilizza, vada cambiato, non più “prima gli italiani, prima i sardi”, ma “prima noi e i nostri privilegi, prima noi senatori e deputati, prima noi presidenti di regione con doppio incarico, prima noi onorevoli consiglieri regionali, prima noi capi di gabinetto lombardi”. E pazienza per tutti quelli che stanno male, per coloro che hanno perso il lavoro e per i giovani che vorrebbero trovarlo.

Fonte: Casteddu On Line


Sarda News non rappresenta una testa giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.



Booking.com







Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

https://www.EuAutoPezzi.IT