Sarda News - Notizie in Sardegna


Blitz degli “Sconvolts” a Sassari, chiesto il rinvio a giudizio per 82 ultras rossoblù

La Procura della Repubblica presso il Tribunale di Sassari ha avanzato richiesta di rinvio a giudizio a carico di 82 appartenenti al gruppo ultras del “Cagliari Calcio” denominato “sconvolts” per i gravi disordini commessi in questo centro cittadino il 25 marzo 2017 in occasione dell’incontro amichevole tra le rappresentative del Sorso 1930 e del Cagliari 1920 disputato presso lo stadio di Sorso. Le richieste sono state avanzate al termine di lunghe ed articolate indagini svolte dalla DIGOS di Sassari in sinergia con la DIGOS cagliaritana e coordinate dalla locale Procura della Repubblica.

Secondo il comunicato inviato dalla Questura in data odierna, i reati contestati sono particolarmente gravi: devastazione e saccheggio in concorso, con l’aggravante del numero delle persone, lesioni anche gravi e il possesso di artifizi pirotecnici e altri oggetti contundenti e atti ad offendere in occasione di manifestazioni sportive. Per 64 ultras cagliaritani, inoltre, il Questore di Sassari subito dopo gli scontri aveva adottato il provvedimento amministrativo del DASPO con durata da quattro a sei anni.

Il 25 marzo del 2017 circa 180 ultras cagliaritani affiliati alla cosiddetta frangia degli “sconvolts”, diretti a Sorso a bordo di tre pullman per assistere alla partita, avevano poi deciso di fermarsi in via Padre Zirano nei pressi della Stazione ferroviaria di Sassari, essendo poi emerso nel corso delle indagini che tale sosta rifletteva in realtà un piano ben preciso il cui fine era quello di devastare, saccheggiare ed aggredire in modo indiscriminato e senza alcun ritegno chiunque transitasse nel centro cittadino sfruttando il cd “effetto sorpresa”, ben sapendo che l’area del centro storico è notoriamente frequentata dalle frange ultras della tifoseria sassarese. 

E’ peraltro nota l’atavica rivalità tra la tifoseria cagliaritana e quella della “Sef Torres 1903”, che già in passato era sfociata in violenti scontri. Una volta scesi dai pullman gli ultras cagliaritani avevano iniziato a marciare in modo compatto e completamente travisati verso la Stazione ferroviaria, esplodendo bombe carta e accedendo fumogeni durante il breve tragitto. Una volta raggiunta l’area antistante lo scalo ferroviario, muniti di mazze, bastoni, catene e aste portabandiera, avevano iniziato ad aggredire con inaudita violenza i cittadini presenti in zona e ad innescare dei tafferugli tali da paralizzare completamente il traffico, compresi i mezzi di trasporto pubblico. 

La notizia di un fatto così eclatante si era subito diffusa richiamando numerosi sostenitori della “Sef Torres” accorsi dal vicino centro storico per affrontare i tifosi avversari. La drammaticità dello scenario venutosi a creare, testimoniata anche da numerose chiamate concitate pervenute al 113 per atti di vandalismo e aggressioni, aveva reso necessario il ricorso a cariche di alleggerimento e all’utilizzo di lacrimogeni al fine di tenere separate le due tifoserie rivali e a scongiurare il rischio di danni ben più gravi alle persone. Solo la predisposizione da parte del personale di PS in tenuta antisommossa di un adeguato cordone di sicurezza aveva impedito che la folla, venutasi a creare davanti al piazzale della stazione dove erano stati fatti raggruppare gli “sconvolts”, potesse tentare un’incursione per giungere allo scontro con quest’ultima tifoseria. 

Con grande difficoltà gli ultras cagliaritani erano stati poi fatti salire a bordo dei mezzi in modo da farli allontanare velocemente dal teatro degli scontri. Il clima di forte tensione in cui si erano svolte le operazioni di “alleggerimento” e di deflusso non avevano permesso di identificare sul posto i numerosi autori dei gravi illeciti commessi, molti dei quali peraltro travisati, pertanto per l’identificazione dei responsabili si era rivelata fondamentale la sinergia operativa con la DIGOS di Cagliari che, una volta fermato il convoglio sulla SS 131 in prossimità del capoluogo dopo che era ripartito da Sassari, era riuscita ad identificare 64 ultras (di cui due minorenni) e a sequestrare varie aste rinforzate e artifizi pirotecnici, nonché diverse dosi di sostanza stupefacente rinvenute a bordo dei pullman. 

Il pesante bilancio della giornata di scontri era stato di diversi feriti sia tra i cittadini che tra le Forze dell’Ordine, dovendosi aggiungere anche il danneggiamento di strutture (panchine, muretti, ecc) di proprietà del Comune. Per la ricostruzione dei fatti nelle sue varie fasi – dall’organizzazione del viaggio sino all’identificazione dei tifosi di rientro a Cagliari – e per l’individuazione delle responsabilità ci si è inoltre avvalsi dell’analisi dei tabulati telefonici e delle immagini registrate dagli impianti di videosorveglianza del Comune di Sassari presenti nei luoghi dei disordini, delle riprese della Polizia Scientifica, nonché dei contributi offerti da vari video amatoriali postati su internet e pubblicati sul sito della “Nuova Sardegna”; materiale che è stato esaminato con la massima attenzione dal personale della DIGOS di Sassari in un contesto di reciproca e costante sinergia informativa con l’omologo Ufficio del capoluogo. 

Di assoluta utilità investigativa si era rivelato anche il contributo offerto dalla comunità, espresso dalle numerose denunce/querele e dalle preziose testimonianze dei cittadini raccolte in seguito agli scontri, che hanno permesso, insieme alla visione dei filmati e ad altre fonti di prova, di risalire agli 82 indagati colpiti dalle odierne richieste di rinvio a giudizio. 

L'articolo Blitz degli “Sconvolts” a Sassari, chiesto il rinvio a giudizio per 82 ultras rossoblù proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu On Line




Sarda News non rappresenta una testa giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.










Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

https://www.EuAutoPezzi.IT