Sarda News - Notizie in Sardegna


Paolo Palumbo si difende dopo gli attacchi: “La mia unica colpa? Voler guarire dalla Sla”

Si affida a Facebook, come in tante altre occasioni, Paolo Palumbo, il giovane sardo malato di Sla e finito al centro di una vicenda dai contorni ancora poco chiari. Dopo l’annuncio dell’ammissione a un programma sperimentale di cure in Israele – di mezzo c’è una società americana – qualche giorno fa è arrivata la smentita da parte della stessa. Nel frattempo, però, era già stata avviata una raccolta fondi da parte dello stesso Palumbo, arrivata a quasi centosessantamila euro. Il fratello del ragazzo, Rosario, ha presentato una denuncia alla questura di Oristano, sezione polizia postale e comunicazioni. La speranza è quella di far pienamente luce su questo caso, ecco di seguito il comunicato scritto sulla pagina Fb di Palumbo.   “Il mio silenzio di questi giorni sui social è stato doveroso. Sul web ne ho lette di cotte e di crude, rimbalzando tra le definizioni di “truffatore” e quelle che mi vedevano dare la colpa agli “haters” per la delicatissima situazione in corso. Smentisco categoricamente: non sono un truffatore e gli haters non hanno colpe, se non quelle di ferire i miei sentimenti. Ho scelto di rimanere in silenzio fino ad oggi perché mi hanno insegnato che prima di proferire parola bisogna sapere ciò di cui si andrà a parlare, e così ho fatto. Quella che vedete nella fotografia, è la notifica di depositata querela da mio fratello Rosario, presso la polizia postale di Oristano. Non traete conclusioni affrettate e leggete quanto segue: prego i gentili giornalisti che vorranno parlarne, di riportare precisamente sui loro quotidiani quanto scriverò, senza strumentalizzare la notizia. In seguito al mio sciopero della fame, durante i primi giorni di aprile abbiamo ricevuto dalla Nunziatura Apostolica di Gerusalemme, i contatti di due medici della clinica Hadassah (dove mi sarei sottoposto alla cura sperimentale). Uno di questi due contatti era il professor Dimitrios Karussis. Il mio medico, dottor Vincenzo Mascia, ha iniziato uno scambio di email con il professore, ricevendo però risposta da un indirizzo di posta alternativo all’originale (giustificato dall’interlocutore come indirizzo usato inseguito al crash della sua mail principale). Il 21 aprile, arriva la specifica per ciò che riguarda la cifra da spendere per l’acquisto della terapia, dunque il 24 aprile (quindi solo dopo la notifica da parte del medico) è stata indetta la campagna di GoFundMe che tutti voi conoscete bene. Forse non molti di voi ricorderanno che il 20 maggio, Rosario ha pubblicato un post in cui si faceva riferimento ad una mail anonima che ci ha avvertito nei confronti di una persona che metteva in dubbio la nostra trasparenza. Quella stessa mail ci avvisava che con tutta probabilità quello stesso personaggio stava creando account fasulli per depistarci. E noi siamo cascati nel tranello. Infatti, quando abbiamo ricevuto una mail dal CEO della casa farmaceutica che produce il protocollo sperimentale, abbiamo dubitato immediatamente della sua autenticità. Il 28 maggio arriva il fulmine a ciel sereno: un comunicato ufficiale sul sito della terapia si dissocia dalla mia campagna di raccolta fondi, sottolinea che non sono mai stato preso in considerazione per il trattamento sperimentale ed afferma di aver avuto difficoltà a mettersi in contatto con me. Potete immaginare come il mondo ci sia crollato addosso. Tra il 29 ed il 30 maggio quindi, ci siamo subito attivati per fare ordine in tutto il materiale a nostra disposizione. Nella giornata di ieri, giovedì 30 maggio, alcune persone si sono messe in contatto con il professor Karussis, che nega di aver mai preso parte alla vicenda, confermando che tutte le mail da noi ricevute nel giro di 40 giorni provenissero da un account falso. Il personale di GoFundMe può confermare di essersi messo in contatto con noi per fare luce sulla vicenda, e qualora non fossimo stati in grado di fornire tutta la documentazione necessaria ad attestare la nostra buona fede, avrebbero chiuso la campagna e rimborsato i donatori. Come potete vedere, la campagna esiste ancora ed i soldi non saranno toccati fino all’arrivo di notizie concrete sullo stato delle cose. Lo stesso materiale raccolto per il sito è stato fatto pervenire alla Polizia Postale, che ci ha accolti oggi stesso. Non mi è permesso pubblicare le mail a causa del segreto istruttorio, ma posso garantire che tutto ciò che avete letto corrisponde a ciò che sappiamo. Io, Paolo Palumbo, 21 anni, mi sono ritrovato vittima di qualcuno che si è preso gioco di me, delle mie condizioni e di tutte le persone che nutrivano una speranza in questa storia. Sono completamente estraneo alla criminosa realtà dei fatti e vorrei dire a chi sta dietro a tutto ciò: hai trasformato il sogno di un ragazzo innocente che sta morendo, nel peggior incubo immaginabile e pagherai per quello che hai fatto. La mia unica colpa? Forse quella di voler guarire. Comunico altresì che in questo momento non solo siamo in contatto con un avvocato di Tel Aviv, ma abbiamo un filo di comunicazione diretto con il personale reale della casa farmaceutica che produce il farmaco, che è stata dettagliatamente informata dei fatti e stiamo cercando di capire la miglior soluzione possibile. Voglio rassicurare tutti i donatori che hanno permesso alla campagna di arrivare all’incredibile cifra di 159.000 euro: i vostri soldi sono al sicuro, se verranno spesi sarà solo ed esclusivamente per la causa per cui li avete versati. In caso ricevessimo la drammatica notizia dell’impossibilità della mia ammissione alla cura, vi saranno restituiti fino all’ultimo centesimo (indipendentemente che abbiate donato su PayPal, sul conto privato o sulla campagna pubblica). Vorrei che tutto questo non fosse mai avvenuto, vorrei che questo mondo fosse un luogo più semplice e pulito di ciò che e. Vorrei solo essere un ragazzo come tutti gli altri, ma invece mi è toccata la Sla, che pezzo dopo pezzo, si sta portando via anche la mia anima. Paolo”.

L'articolo Paolo Palumbo si difende dopo gli attacchi: “La mia unica colpa? Voler guarire dalla Sla” proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu On Line


Sarda News non rappresenta una testa giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.



Booking.com







Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

https://www.EuAutoPezzi.IT