Sarda News - Notizie in Sardegna


Cagliari, stop movida notturna al Frida: “Il chiasso? C’è ovunque, perchè colpire solo noi?”

L’ordinanza è fresca fresca, firmata dal commissario straordinario del Comune, Bruno Carcangiu. Il Frida di via Mameli deve restare chiuso dalle ventidue alle sei del mattino, stop alla movida notturna. Non è la prima decisione che arriva in seguito ad una “reiterata violazione della vigente normativa in materia di inquinamento acustico”, col superamento dei decibel che “rappresenta una minaccia per la salute pubblica”. Queste, in sintesi, le motivazioni contenute nelle tre pagine spedite a Stefano Versace, titolare del locale. La data è quella dello scorso diciannove aprile e, a poche settimane dalla pausa estiva, il 33enne si sfoga e promette battaglia: “I limiti acustici sono stati superati nonostante tutti i soldi spesi e i lavori fatti per risolvere la situazione, a quanto pare non è stato sufficiente ma…”. Ma? “Ma è ingiusto dare la colpa solo a noi per schiamazzi e rumori, ci sono tanti altri locali nel raggio di cinquanta metri che offrono lo stesso nostro servizio. Questa è una zona ricca di locali”, osserva Versace, “è normale che la gente passeggi e chiacchieri anche la notte. Inoltre, l’ordinanza mi vieta di aprire tutti i giorni dalle ventidue alle sei. Impossibile trasmettere una partita di calcio o servire una cena, perchè sarei costretto a interrompere tutto proprio a metà”. Una parte dei residenti, però, si lamenta da anni, e sono fioccate le segnalazioni che hanno poi portato alle varie ordinanze di chiusura.

 

“Ho provato a parlare con loro, ma non c’è stata reciproca voglia di farlo. Anzi, spesso ci hanno tirato uova e acqua dai balconi. Nell’ultima ordinanza non è specificata nel dettaglio la questione dei decibel, in quella precedente invece sì. Impossibile che siano stati superati dal nostro impianto, visto che c’è pure un limiter“, sostiene il 33enne, “ho fatto investimenti pesanti, voglio solo poter lavorare in pace. Sto verificando col mio avvocato la possibilità di quantificare una cifra per chiedere i danni al Comune, intanto è sicuro che farò ricorso al Tar. Spero di ottenere una sospensiva, ho già dovuto lasciare a casa, un’altra volta, ben sei lavoratori. Non gestisco una discoteca, il Frida è solo un locale dove i ragazzi e le ragazze come me vengono per bere un drink prima di andare a ballare o ritornare a casa, e c’è solo un sottofondo musicale”. Arpas e Comune – dati alla mano – “vedono” la vicenda in maniera diametralmente opposta. Ma Versace spera di poter riaprire anche dalle ventidue in poi “almeno nell’ultimo mese che mi separa dalla chiusura per l’estate”.

L'articolo Cagliari, stop movida notturna al Frida: “Il chiasso? C’è ovunque, perchè colpire solo noi?” proviene da Casteddu On line.

Fonte: Casteddu On Line


Sarda News non rappresenta una testa giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.



Booking.com







Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

https://www.EuAutoPezzi.IT