Sarda News - Notizie in Sardegna

Ricorso al Tar: liste e consiglieri a rischio

Un elettore ha presentato ricorso al Tar Sardegna contro le liste che non hanno raccolto le firme per le elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale e del Presidente della Regione Sardegna del 24 febbraio prossimo. Tra i consiglieri citati, anche Antonello Peru di Sassari e Marco Tedde di Alghero, entrambi di Forza Italia

image

ALGHERO - Ricorso al Tar Sardegna contro le liste che non hanno raccolto le firme per le elezioni per il rinnovo del Consiglio regionale e del Presidente della Regione Sardegna del 24 febbraio prossimo e contro alcuni consiglieri in carica ricandidatisi. E' stato presentato nei giorni scorsi da un elettore.

Il ricorrente, si legge nel ricorso «in qualità di elettore in una delle circoscrizioni elettorali per le imminenti elezioni amministrative del 24 febbraio 2019 che si terranno per l’elezione del Consiglio regionale e del Presidente della Giunta regionale della Sardegna, pertanto legittimato ad agire, contro la Regione Sardegna, in persona del Presidente pro tempore… e nei confronti dei seguenti candidati a Consiglieri della Giunta regionale ossia: Paolo Luigi Dessì (Psd’Az), Gianni Lampis (Fdi), Antonello Peru (Fi), Marco Tedde (FI) e Valerio Meloni (Pd), ed anche nei confronti dell’Ufficio Elettorale Regionale della Regione Sardegna, in persona del (omissis…) per le anomalie nelle operazioni elettorali, per l’inammissibilità’ e la Conseguente ricusazione della candidatura dei sopra citati candidati a Consigliere del Consiglio regionale e della ricusazione della lista di appartenenza presentata in data 21-01-2019, conseguentemente al passaggio, dopo l’indizione dei comizi elettorali in data 10-01-2019, da una forza politica ad un’altra, non trovando corrispondenza sul modulo di accettazione della candidatura a Consigliere del Consiglio regionale tra i rispettivi contrassegni».

In sostanza il ricorrente contesta che «non vi sia corrispondenza tra il contrassegno apposto sul modulo di accettazione della candidatura e quello del partito e/o movimento politico a cui il candidato alla carica di Consigliere del Consiglio regionale ha successivamente aderito». Quindi il signor Paolo luigi Dessì “Consigliere regionale in carica, presentava dichiarazione di accettazione della candidatura per la lista “Lega-Salvini”, in data 08-01-2019, mentre attualmente risulta candidato con PSd’Az nella Circoscrizione Sulcis”, Gianni Lampis, “Consigliere regionale in carica, presentava dichiarazione di accettazione della candidatura per la lista “Sardegna civica”, in data 08-01-2019, mentre attualmente risulta candidato per Fratelli d’Italia nella Circoscrizione Medio Campidano”.

Ancora: Antonello Peru “Consigliere regionale in carica, presentava dichiarazione di accettazione della candidatura per la lista “Forza Italia Sardegna-Berlusconi per la Sardegna”, in data 09-01-2019, mentre attualmente risulta candidato per Forza Italia Sardegna, nella Circoscrizione di Sassari, il compagno di partito Marco Tedde, anch'egli Consigliere regionale in carica, “presentava dichiarazione di accettazione della candidatura per la lista “Energie per l’Italia”, in data 08-01-2019, mentre attualmente risulta candidato per Forza Italia, nella Circoscrizione di Sassari. Poi c’è Meloni Valerio che “presentava dichiarazione di accettazione alla candidatura per la lista “Sardegna in Comune con Massimo Zedda”, in data 08-01-2019 , mentre attualmente risulta candidato per il Partito Democratico , nella circoscrizione di Sassari”.

Le liste a rischio di esclusione sarebbero quindi “Lega Salvini Sardegna”, “Sardegna Civica”, “Sardegna in comune con Massimo Zedda”, Forza Italiua Berlusconi Per la Sardegna” ed “Energie per l’Italia”. “«È ovvio che il dato falsato da una dichiarazione di accettazione di candidatura del candidato Consigliere in carica – si legge nel ricorso - indicante contrassegno divergente rispetto a quello di reale appartenenza, non solo genera confusione negli elettori, che non saranno più in grado di riconoscere la reale appartenenza ad una lista, piuttosto che ad un’altra, bensì determina turbativa elettorale, venendo a mancare i requisiti di legge (regionale) che disciplina gli adempimenti per la sottoscrizione dei presentatori delle liste e gli eventuali esoneri».

Commenti

Fonte: Alguer


Sarda News non rappresenta una testa giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.








Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

https://www.EuAutoPezzi.IT