© ANSA

(ANSA) - ALGHERO, 14 GEN - Il Nord Sardegna scende in strada.
    Istituzioni, organizzazioni del sistema economico, sindacati e comitati chiamano a raccolta tutto il territorio per difendere la Sassari-Alghero e far sentire forte la voce di una comunità vasta, che da ovest a est unisce tutta l'Isola settentrionale, per niente disposta a rinunciare a un'arteria viaria dalla quale "dipende lo sviluppo di tutta la regione". L'appuntamento è per sabato 26 gennaio alle 10.30 al presidio permanente attivo da settimane a Rudas, sul tratto negato per la 4 corsie, per una grande assemblea popolare "bipartisan, senza colore politico ma con una forte connotazione territoriale, per far capire che forze istituzionali, economiche e sociali sono compatte e chiedono al governo di trovare una soluzione a un problema assurdo".
    Il tema è quello su cui negli ultimi due mesi hanno fatto quadrato i sindaci della Rete metropolitana del Nord Sardegna, ma anche altri numerosi amministratori locali, associazioni di categoria e sindacati. "Il completamento della quattro corsie è in bilico per via di questioni burocratiche e normative che la politica deve assolutamente superare", è il diktat di tutti gli attori territoriali che questo pomeriggio hanno risposto alla convocazione del sindaco di Alghero, Mario Bruno. Il tavolo ha invocato unità. Un appello rivolto anche alla parlamentare del Movimento 5 Stelle, Paola Deiana. La deputata algherese ha annunciato che domani incontrerà al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il responsabile della Direzione generale per le strade e le autostrade, Andrea Capuani, il dirigente generale, Antonio Parente, e il capo della segreteria del ministero, Gaetano Marzulli. "Si continua a lavorare ininterrottamente - spiega Deiana - per trovare il giusto compromesso tra esigenze del territorio e vincoli paesaggistici". (ANSA).
   

Fonte: Ansa







Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

https://www.EuAutoPezzi.IT