Sarda News - Notizie in Sardegna

Intimidazioni al sindaco e amministratori di Boncardo, Pigliaru: “Azione vile e vigliacca”

Intimidazioni al sindaco e amministratori di Boncardo, Pigliaru: “Azione vile e vigliacca”

Dopo le scritte intimidatorie apparse nel cimitero del paese contro il sindaco di Bonarcado, Franco Pinna, e l’assessore  alle attività produttive Giovanni Pes, arrivano le parole di solidarietà del Presidente Pigliaru:”Ancora una volta assistiamo a fatti contrari ai principi su cui si basa la vita di ogni comunità. Le minacce contro l’amministrazione comunale di Bonarcado, rappresentano una grave offesa alle fondamentali regole democratiche. Esprimo al primo cittadino e all’assessore la solidarietà, mia personale e di tutta la Giunta, per un’azione vile e vigliacca”.

Nella pagina facebook del comune di Boncardo, il sindaco scrive: La mattina di sabato 1 settembre chi si è recato al Nuovo Cimitero ha avuto la sgradevole sorpresa di trovare, all’esterno del muro di cinta, delle scritte che riportano il nostro paese indietro di decenni, risale infatti a parecchio tempo fa l’esecrabile pratica di fare apparire scritte minacciose verso gli amministratori e personalmente credevo che tale attività non fosse più fra le opzioni dei bonarcadesi.

Credo sia giusto, da parte mia, informare di questo atto tutta la popolazione in modo tale che ognuno abbia la possibilità di analizzare, riflettere e, come mi auguro, condannare questi gesti che minano dal profondo il vivere civile e democratico della nostra Comunità.
Oltre al solito corredo di croci, nelle scritte compaiono dei nomi. Oltre al mio e a quello dell’Assessore alle Attività Produttive è presente quello di un cittadino bonarcadese che non ha incarichi amministrativi ma che forse ha, come unica colpa l’aver espresso in tempi recenti e pubblicamente il suo pensiero, mostrando apprezzamento e difendendo alcune scelte operate dalla nostra Amministrazione, non ultima quella della realizzazione e approvazione del piano di Valorizzazione delle Terre Civiche, peraltro incluso nelle Linee Programmatiche del nostro mandato amministrativo.
Dei responsabili materiali di questa azione si occuperanno le forze dell’ordine ma esistono anche dei responsabili morali ovvero coloro che dall’inizio della nostra amministrazione, anche all’interno del Consiglio Comunale, avvelenano il clima politico facendo di tutto per gettare discredito sulla persona degli amministratori accusandoli di incompetenza, di agire per interesse personale, puntando sempre il dito su quei quattro soldi di indennità che non bastano certo a coprire le responsabilità, il tempo speso e l’impegno dedicato.
Questo modo di agire corredato da informazioni deformate ad arte, istiga nelle persone l’odio verso chi amministra, il quale diventa capro espiatorio per tutti i mali della società attuale dove lo Stato si è ritratto, come ha scritto recentemente un collega sindaco, per cui: “Non si amministra più il progresso di una comunità, ma la disperazione, la povertà e la miseria: il comune è tornato ad essere – sostanzialmente – l’Eca (Ente comunale di assistenza). Da motore di crescita delle comunità ad amministratore della disperazione, … “.
Se a tutto questo si aggiunge poi l’uso o meglio l’abuso dei Social Network, vero Far West dei giorni nostri dove chiunque diventa maestro di pensiero, pubblico ministero, censore, esperto in mille materie, ed ecco che: “Si amministra con l’occhio della Rete addosso. Non il controllo e la proposta (che sono necessari e anche benedetti). Ma l’insulto, la perenne messa in stato d’accusa, la delegittimazione costante.”
Perciò nel vedere quelle scritte ho provato oltre che un senso di solitudine anche amarezza e delusione nel pensare che l’autore o gli autori fanno parte della nostra comunità e che quindi lo slogan proposto dalla nostra lista alle elezioni del 2016 “Insieme verso il cambiamento”, non è stato recepito oppure è rimasto appunto solo uno slogan e non un obiettivo da raggiungere insieme, durante i cinque anni di mandato.
Prendo atto perciò che il cammino è ancora lungo e né io né i miei compagni verremo meno all’impegno preso, continueremo il nostro lavoro con la speranza che i bonarcadesi vadano al di là di questi gesti intimidatori preferendo il confronto e il dialogo a cui, fra l’altro, nessuno deve mai sottrarsi.

 

L'articolo Intimidazioni al sindaco e amministratori di Boncardo, Pigliaru: “Azione vile e vigliacca” proviene da Casteddu On line.

image

Vedi su CastedduOnLine


Sarda News non rappresenta una testa giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità nei suoi contenuti originali. La responsabilità del contenuto degli articoli importati dai feed rss è totalmente a carico della reale fonte dell'informazione indicata al termine di ogni notizia.



Booking.com








Booking.com

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

https://www.EuAutoPezzi.IT