Piccoli portatori crescono «Innamorati della Faradda» - Cronaca
SASSARI. Per tre settimane hanno rinunciato a qualche ora di mare e all’appuntamento quotidiano con il pallone per imparare i passi e prendere confidenza con il peso del candeliere e il ritmo del tamburo.Ma per Simone e Alessandro Oggiano, fratelli di 12 e 10 anni, la preparazione della sfilata con il mini candeliere dei Contadini è stata tutt’altro che un sacrificio. «Ho partecipato la prima volta alla sfilata dei Mini Candelieri a 4 anni» racconta con orgoglio Simone, sguardo fiero e rasatura fresca fresca da sfoggiare domenica nel tragitto da Porta Sant’Antonio alla chiesa di Santa Maria. «Per me è una vera passione» spiega, mentre insieme al fratello più piccolo controlla che il “cappelletto” e i tradizionali “bora bora” siamo pronti per rendere il piccolo cero votivo degno di sfilare davanti a migliaia di occhi incuriositi. Già da metà luglio - sotto gli sguardi divertiti ed emozionati di genitori e nonni - gli aspiranti portatori si sono dati appuntamento quasi ogni sera nei vicoli e nelle piazzette del centro storico per preparare la ventunesima edizione della festa, nata grazie all’ex presidente dell’Intergremio Tonino Spada come una sorta di vivaio dei futuri portatori dei ceri che i Gremi fanno sfilare il 14 agosto come ringraziamento alla Madonna.«Simone e Alessandro sono sempre stati appassionati di Candelieri - spiega con emozione la mamma Consuelo Paddeu - e quest’anno oltre a sfilare con il mini candeliere dei Contadini parteciperanno per la prima volta anche alla Faradda del 14, portando i nastri per il candeliere vero, proprio dei Contadini. Io sono nipote di portatori di candeliere da generazioni - aggiunge la mamma - e sono felice di aver trasmesso questa passione ai miei figli, anche Giorgia la piccolina di casa che ha 4 anni è già innamorata e non vede l’ora di vedere i fratelli sfilare». Per i gremi di candeliere Simone, Alessandro e gli altri 200 bambini (l’età massima consentita per sfilare è 13 anni) che domenica invaderanno corso Vico al ritmo dei tamburi e a passo di danza, rappresentano il futuro della Faradda. «Cerchiamo di instradarli e di farli innamorare di questa festa che è la più importante per la città - spiega Tony Caggiari gremiante dei Contadini e per 15 anni portatore - perché grazie a loro la tradizione non morirà mai». Domenica saranno 17 i gruppi che parteciperanno alla sfilata dei Mini, organizzata dal Comune e dall’Intergremio, l’associazione che riunisce tutti i gremi che qualche giorno fa per il terzo anno consecutivo ha portato i mini candelieri nel reparto di Pediatria per strappare un sorriso ai piccoli pazienti. In questi ultimi giorni non solo nelle piazze del centro storico si ripassano i passi più complicati da ballare sotto il candeliere e si completa l’allestimento del cero. In quasi tutti i quartieri della città il suono del tamburo si è fatto più insistente, segnale che la festa di avvicina. «Contiamo molto su questa che ormai è diventata una tradizione - spiega Marco Dettori, vice presidente dell’Intergremio - trasmettere la passione per la nostra festa anche ai più piccoli ci fa guardare con fiducia al futuro».

vedi su La Nuova Sardegna







Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie

https://www.EuAutoPezzi.IT