Sant'Elia, patto di ferro tra Giulini e Zedda "Nel 2020 stadio nuovo con negozi e museo" - Cronache dalla Sardegna

image

Incontro nell'impianto che ospiterà le partite casalinghe della squadra rossoblù di Zeman: tre anni di proroga della convenzione tra Comune e Cagliari.

"Un'intesa che funziona e che porterà al raggiungimento di risultati importanti". Sono le parole del sindaco Massimo Zedda e del presidente del Cagliari Calcio, Tommaso Giulini che si sono ritrovati per fare il punto della situazione sullo stadio Sant'Elia e sul suo futuro. Insieme all'assessore ai Lavori Pubblici, Luisa Anna Marras, e al componente del cda della società rossoblu Stefano Signorelli, hanno indicato i passi da fare per migliorare lo stadio Sant'Elia.

Dopo il via libera da parte della Commissione provinciale di Vigilanza agli 11.650 l'obiettivo è arrivare ai 16mila posti (o addirittura ai 18mila): la speranza è di farlo entro il 21 dicembre di quest'anno (sfida contro la Juventus). I lavori per realizzare la curva Sud sono già iniziati. Non solo. Sindaco e presidente hanno parlato anche del nuovo impianto, un Sant'Elia che potrebbe nascere al posto dell'attuale rudere: "Ci saranno attività commerciali", ha spiegato Giulini, "un museo sul Cagliari e una biblioteca. L'obiettivo è farlo entro il 2020 ma speriamo di poter anticipare di due anni". Per puntare a questo sogno c'è stata una proroga della convenzione di tre anni in attesa del nuovo accordo. L'improvviso "amore" tra Cagliari e Comune è stato visto da alcuni come una svolta a causa dei rapporti (o come un "dispetto") con il precedente presidente rossoblù, Massimo Cellino: "Assolutamente no", è stata la risposta secca di Massimo Zedda.

image

Vedi su L'Unione Sarda

Condividi questo post

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn




The Best United Kingdom Bookmaker lbetting.co.uk Ladbrokes website review