sardanews

Democrazia Oggi - D’accordo la lotta a Salvini, ma Conte e Di Maio sono la stessa cosa?

Andrea Pubusa

 Democrazia Oggi - D’accordo la lotta a Salvini, ma Conte e Di Maio sono la stessa cosa?

 

Se fossi a Milano parteciperei alla manifestazione anti Salvini-Orban per ovvii motivi, ma non esito a dire che l’opposizione al governo ha le armi spuntate. Guardate la vicenda Autostrade, Toninelli pubblica in un battibaleno la convenzione pro Benetton, la cui secretazione, anche da parte del centrosinistra, era funzionale solo a nascondere sconcezze politiche e amministrative, a celare la svendita dello Stato e dei suoi beni a privati senza scrupoli (festaioli anche di fronte alla tragedia e al lutto del Paese intero). Si possono versare i mitici fiumi d’inchiostro da parte dell’intellettualità di sinistra, ma non si riuscirà a scalfire il valore democratico di questa decisione e l’annuncio di rendere pubbliche anche le altre concessioni nascoste. E l’annuncio di Conte di voler revocare la concessione? E quello di Di Maio di voler rinazionalizzare, ossia riportare nella sfera statuale la gestione di beni sovrani? Si può gridare quanto si vuole contro la destrosità del M5S e del governo, ma nessuno presterà orecchio ad un raggruppamento che ha al centro il PD (liberista, privatizzatore e affarista) e alleati (molti di LeU) che, a suo tempo, hanno avallato quelle scelte scellerate.Anche sui migranti Conte non è Salvini. E’ il suo esatto contrario. Quanto quello è sguaiato e volgare, Conte è misurato e ragionevole. Ha posto a livellp internazionale una questione importante: aprire tutte le frontiere d’Europa. Anzi ha detto di più e meglio: chi entra in Italia entra in Europa. Se la Unione esiste, così è, con tutte le implicazioni del caso. Mi sembra una impostazione corretta, che le forze democratiche dovrebbero sostenere senza reticenze, perché è l’esatto contrario di quanto dicono Orban e Salvini, che sono per chiudere a tutti, non perché tutti aprano. Anche qui gridare “al lupo al lupo di destra” nelle piazze serve a mettere in pace la coscienza, ma non a postare di un millimetro gli equilibri politiciParimenti inefficace è la via giudiziaria contro Salvini. Ha spiegato bene sul Fatto l’ex procuratore capo di Firenze, Ubaldo Nannucci, aderente a Libertà e Giustizia, che l’ingresso nel territorio di uno Stato non è libero, è sempre soggetto ad autorizzazioni e provvedimenti delle Autorità statali, e, dunque, mentre è ripugnante la condotta politica di Salvini, difficilmente essa potrà avere rilevanza penale.Anche il decreto dignità, al di là delle sue debolezze, segnala il reingresso dello Stato nel mondo del lavoro e dell’impresa, come hanno messo in luce anche osservatori e giuristi di area democratica non piddina.Quali conclusioni si possono trarre da queste veloci e sommarie considerazioni? Esiste una oggettiva differenza fra le posizioni di Salvini, tendenzialmente regressive e razziste, e quella di Conte. Di Maio & C., sempre difensori della Carta e anche in questo caso rispettosi dell’azione dei PM. Su questi poli bisogna schierarsi. Non c’è altro. Non il PD, da cui è venuto il più duro attacco alla Costituzione nel 2016 e le politiche affaristiche e contro i lavoratori, non lo sciame delle sigle di sinistra, rispettabili, ma ininfluenti. Lo sviluppo della democrazia in Italia si gioca accompagnando il M5S nella sua evoluzione, dopo il repentino boom. Ragionando a contrario: se le forze democratiche non si porranno questo obiettivo e non lo raggiungeranno, gli equilibri, potranno spezzarsi con una torsione verso destra, di cui oggi il M5S è, tutto sommato, l’antidoto più robusto. Bisogna dare ai pentastellati una sponda che consenta loro di mollare Salvini. Questo non vuol dire esentarli da critiche anche dure, ma sapendo anche che hanno un ruolo importante. E’ un compito difficile, ma fare di tutta l’erba un fascio è sbagliato e perdente..

Vedi su Democrazia Oggi









Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie