Matrimoni combinati per far arrivare gli immigrati in Italia?
Nuovi particolari dall’inchiesta sulla consulente e il mediatore culturale arrestati a Oristano

Respingono le accuse, ma al momento non intendono rispondere all’interrogatorio del giudice per le indagini preliminari Annie Cecile Pinello, davanti al quale hanno fatto scena muta sia la consulente tributaria di Oristano Esmeralda Trogu, di 48 anni, sia il mediatore culturale di origine indiana Baiwinder Kumar, di 38 anni, arrestati a Oristano dai carabinieri che hanno scoperto un giro di permessi di soggiorno rilasciati ad immigrati giunti in Sardegna, attraverso rapporti di lavoro attivati all’insaputa delle aziende e previo il pagamento di ingenti somme.

Il loro legale difensore, l’avvocato Gianfranco Siuni, dice che i suoi assistiti “appena rientreranno in possesso dei documenti e dei computer dimostreranno che sono stati accusati ingiustamente”.

Una linea di rigoroso silenzio che lo stesso legale utilizza su ulteriori particolari dell’inchiesta emersi in queste ore, sui quali nega ogni commento. Tra questi particolari un fascicolo aperto dalla Procura distrettuale antimafia di Cagliari, nell’ambito di un’inchiesta per associazione a delinquere, che interessa la consulente e il mediatore, ed inoltre, il loto tentativo di ricorrere anche a matrimoni combinati per agevolare l’arrivo degli immigrati. Una prassi già utilizzata, che Esmeralda Trogu e Baiwinder Kumar, avrebbero preso in considerazione spingendosi oltre: proponendo a una giovane donna un compenso di 8000 euro se avesse sposato un giovane immigrato per consentirgli di ottenere il permesso di soggiorno. Anche questa tutta una messa in scena, come i rapporti di lavoro attivati all’insaputa delle aziende e interrotti appena dopo l’ottenimento del permesso.

L'articolo Matrimoni combinati per far arrivare gli immigrati in Italia? sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

Open Day all’Othoca di Oristano
Visite guidate nelle aule e nei laboratori. Porte aperte anche nella sede di Ales

L’Istituto Tecnico Industriale Othoca di Oristano

In vista dell’avvio delle iscrizioni alle scuole superiori, l’Istituto Tecnico Industriale Statale “Othoca” di Oristano, apre le porte ai ragazzi che frequentano la terza media e alle loro famiglie.
Sabato prossimo, 19 dicembre, dalle 15.30 alle 20, è in programma l’Open day.

“Grazie alla collaborazione dei docenti”, spiega il dirigente Franco Frongia, “i ragazzi alle prese con la scelta della scuola superiore di visitare le strutture, le aule e i laboratori del nostro Istituto il viale Zara”.

“I ragazzi, inoltre, potranno conoscere l’offerta formativa del nostro Istituto”, prosegue il dirigente, “con specializzazioni in Elettrotecnica, Informatica, Meccanica e Liceo delle Scienze Applicate”.

Martedì prossimo, 22 gennaio, l’iniziativa si sposta nella sede di Ales dell’Istituto.

In occasione dell’Open day la scuola sarà accessibile ad alunni e genitori dalle 15 alle 17. Grazie alla collaborazione dei docenti e del personale ATA, sarà possibile visitare laboratori, biblioteca, palestra e tutte le strutture della scuola.

Giovedì, 17 gennaio 2019

L'articolo Open Day all’Othoca di Oristano sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

 © ANSA

Il ministro delle Infrastrutture Danilo Toninelli è arrivato in Sardegna per la sua vista "lampo" che è iniziata all'aeroporto di Cagliari con l'incontro con l'amministratore delegato della Sogaer, la società di gestione dello scalo, Alberto Scanu. Subito dopo il ministro incontrerà i candidati del Movimento 5 Stelle alle suppletive di Cagliari Luca Caschili e alla presidenza della Regione Francesco Desogus.

Dopo una conferenza stampa gli impegni di Toninelli proseguono a Cagliari nella sede della Direzione Marittima di piazza Deffenu, dove incontrerà il Direttore Marittimo di Cagliari Capitano di Vascello Giuseppe Minotauro, e il presidente dell'Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna Massimo Deiana. A seguire tre distinti faccia a faccia con Federico Vittorio Rapisarda (Provveditore Interregionale infrastrutture), con il Coordinatore Anas Sardegna Walter Bortolan, e con il direttore Infrastrutture di Rfi per la Sardegna Claudio Cataldo.

ARRIVA ANCHE BERLUSCONI. La due giorni in Sardegna di Silvio Berlusconi, in vista del voto per le suppletive nel collegio uninominale di Cagliari per la Camera di domenica 20 gennaio, inizia alle 12 da Quartu Sant'Elena. Il leader di Forza Italia toccherà tutti gli otto comuni del sud Sardegna chiamati al voto e dove sono stati allestiti dei gazebo degli azzurri: 12.45 a Monserrato, 13.30 a Quartucciu e la chiusura della giornata alle 19.30 Cagliari, in piazza Giovanni XXIII. Venerdì 18 Berlusconi riprende il suo mini tour tra i gazebo, ma prima farà tappa alle 10 in uno degli storici caffè di Cagliari, il bar "Mariuccia" di Pirri. Quindi alle 11.00 sarà a Sinnai, alle 11.45 a Maracalagonis in piazza del Comune, alle 12.45 a Burcei in piazza Is Griffonis, per poi chiudere alle 14.30 a Villasimius.

Fonte: Ansa

I Rotary dell’oristanese si interrogano sul loro ruolo nella società
Sabato a Oristano un convegno promosso dai club cittadino e di Terralba

Si terrà sabato prossimo, a partire dalle 10, nella sala conferenze dell’Hotel Mistral 2 a Oristano, il convegno “Professionisti, leader e imprenditori per una società che cambia” organizzato dai Rotary Club di Oristano e del Terralbese.

In programma, una serie di interventi sul ruolo che i club  service svolgono nella società di oggi e sulle concrete attività svolte anche nell’Oristanese.

I lavori prenderanno il via con i saluti dei presidenti dei due club organizzatori Silvia Oppo di Oristano e Loredana Sanna di Terralba.
Seguirà Mario Virdis, past president del Rotary di Oristano, che nella sua relazione parlerà de “Il Service del Rotary, in particolare quello svolto in Sardegna, a partire dal 1949, e la sua evoluzione in quasi 70 anni di attività”.

Ad intervenire saranno poi Pierluigi Marconi della Artemis Neurosciences società tra professionisti che opera nel settore della ricerca e della clinica nell’ambito delle neuroscienze, presidente della commissione per l’effettivo del Distretto 2080 del Rotary International,  con una relazione dal titolo “Il Rotary in una società in costante cambiamento” e Giuseppe Melis, docente di Scienze economiche e statistiche dell’Università di Cagliari, il quale terrà una relazione su “Le necessità attuali della società contemporanea e la percezione sull’attività svolta dal Rotary”.

Alessandro Vagnozzi, imprenditore nel settore web e della comunicazione e presidente incoming del Rotary Club del Terralbese, nella sua relazione illustrerà invece “Le prospettive del Rotary nelle sfide che la società deve affrontare nel Terzo Millennio”.
I lavori saranno coordinati da Gian Mario Spiga, avvocato e giornalista oristanese.

La locandina

Giovedì, 17  gennaio 2019

L'articolo I Rotary dell’oristanese si interrogano sul loro ruolo nella società sembra essere il primo su LinkOristano.it.

Fonte: Link Oristano

«Aleggia lo spettro della chiusura sul Consorzio agrario. Occorre un intervento della Regione», chiede il consigliere regionale di Forza Italia

image

ALGHERO - Lo spettro della chiusura continua ad aleggiare sul Consorzio agrario di Sardegna. A fare le spese di questo clima di incertezza sono i dipendenti dello stabilimento ai piedi del Viale Elmas. «La prossima mannaia si abbatterà a breve su ulteriori trentacinque lavoratori – spiega Edoardo Tocco, che ha promosso una mozione indirizzata alla Giunta regionale – che si aggiungeranno agli altri già licenziati». Il Consorzio agrario, uno dei fiori all’occhiello per il mondo delle campagne, rischia di essere travolto dalla crisi.

«Un crollo incredibile – prosegue l’esponente degli azzurri – che si è declinato nella chiusura delle agenzie sparse nell’Isola, da Santa Maria la Palma a Nuoro». Inascoltati gli appelli lanciati: «I vertici dell’azienda non hanno trovato nessuna soluzione alla vertenza – aggiunge Tocco – La Commissione Agricoltura non ha dato segnali di speranza per i lavoratori. E’ necessaria una presa di consapevolezza sulla gravità della situazione. Pensiamo non si possa prescindere da una realtà storica, ma servono impegno e determinazione accompagnati dalla competenza per aumentare il lavoro e consolidare quello già in essere».

Nei suoi primi novantasette anni, il Consorzio è stato un punto fermo per gli agricoltori, ora potrebbe essere risucchiato in un vortice senza sbocchi: «Una situazione disastrosa che rischia di mettere definitivamente in ginocchio – conclude il consigliere regionale di Forza Italia – il comparto agricolo sardo. Ci sarebbe necessità di una riorganizzazione strategica e gestionale con il rilancio dei servizi offerti per gli agricoltori isolani».

Nella foto: il consigliere regionale Edoardo Tocco

Commenti

Fonte: Alguer

Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie