Sono stati ritrovati i tre ragazzi di Maracalagonis e Decimomannu che si sono allontanati da casa sabato scorso.

I tre, una ragazzina di 15 anni di Maracalagonis, una coetanea e un 21enne di Decimomannu, si trovano ora in caserma a Nuoro dove presumibilmente stanno raccontando la loro fuga volontaria dalle rispettive abitazioni.

In serata sono stati raggiunti dai familiari che li riaccompagnano a casa.

Termina così una vicenda che ovviamente aveva suscitato preoccupazione fra le famiglie con il lancio di appelli con i quali invitavano i loro congiunti a tornare subito a casa.

Ancora non si sa come i tre abbiano trascorso questi giorni di fuga. Un'altra ragazzina era rientrata a casa quasi subito.

Fonte: L'Unione Sarda

“Mio figlio e gli altri due ragazzi sono stati ritrovati dai carabinieri, stanno tutti bene e si trovano a Nuoro”. A dirlo, contattata da Cagliari Online, è la madre di uno dei tre giovani – due dei quali minori – che, da sabato scorso, avevano fatto perdere le tracce. Una quarta ragazza, anche lei ben sotto i diciotto anni di età, aveva già fatto ritorno a casa nei giorni scorsi, e all’appello mancavano solo loro tre. Dopo sei giorni di ansia e paura, il lieto fine.

Fonte: Casteddu on Line

«Le parole del ministro Toninelli sulla fine del monopolio di Tirrenia nei collegamenti per la Sardegna in continuità territoriale segnano una svolta epocale per la regione», ha dichiarato il deputato sardo in Commissione Trasporti Nardo Marino

image

CAGLIARI - «Le parole del ministro Toninelli sulla fine del monopolio di Tirrenia nei collegamenti per la Sardegna in continuità territoriale segnano una svolta epocale per la regione. Lavoriamo per sanare una piaga storica dell'Isola e presto i risultati saranno sotto gli occhi di tutti, con collegamenti economicamente sostenibili, efficienti e di qualità che possano rendere competitive anche le aziende, da troppi anni alle prese con i costi penalizzanti del trasporto delle merci in entrata e in uscita».

Lo afferma il deputato sardo del Movimento 5 stelle in Commissione Trasporti Nardo Marino, a margine della visita del ministro delle Infrastrutture e trasporti Danilo Toninelli in Sardegna [LEGGI][1]. «Con una proposta di legge messa appunto insieme alla deputata algherese Paola Deiana – spiega Marino - siamo impegnati a ottenere il superamento della convenzione con Tirrenia».

«Siamo pronti per dare alla Sardegna ciò che attende da anni: una continuità territoriale basata finalmente sulle esigenze di mobilità dei cittadini e non su convenzioni anacronistiche che, per troppi anni, hanno reso i sardi ostaggi di una compagnia», conclude l'onorevole pentastellato.

Nella foto: l'onorevole Nardo Marino

Commenti

References

  1. ^ [LEGGI] (notizie.cagliarioggi.it)

Fonte: Alguer

Per il secondo anno consecutivo, il festival della canzone d’autore più importante d´Europa inaugura la sua edizione annuale nella Riviera del corallo grazie alla collaborazione con La Plataforma per la llengua, con il patrocinio del Comune di Alghero e della Fondazione Alghero. Sabato, il Teatro Civico ospiterà “Dues cultures, una sola marina”, il concerto che unisce due grandi nomi della musica d’autore: Giorgio Conte e Joan Isaac

image

ALGHERO - L'Italia e la Catalunya si incontrano grazie a due cantautori di lunga carriera, che intendono la canzone d’autore in modo simile e da sempre si contraddistinguono per una peculiare curiosità a scoprire in altre culture la propria passione per la musica d’autore. Di generazioni vicine, Joan Isaac e Giorgio Conte, grandi rappresentanti della canzone catalana ed italiana, hanno ideato il concerto come uno scambio di canzoni. Un traffico musicale che ricorda i modi di negoziare dei mercanti veneziani. Trovarsi ad Alghero (il punto intermedio perfetto) è un modo di rendere omaggio al mare. Il mare che li unisce ed impregna le loro canzoni sarà inevitabilmente presente in uno spettacolo unico nel quale la sensibilità oltrepasserà il palcoscenico e questo interscambio di lingue e canzoni diventerà un tesoro che lo spettatore difficilmente potrà dimenticare e che sicuramente conserverà per sempre nella propria memoria. Conte canterà in catalano e Isaac lo farà in italiano, una lingua che studia e coltiva da anni.

Conte si definisce come un vecchio lupo da palcoscenico che è cresciuto professionalmente influenzato dalla canzone francese. Le sue sono canzoni bellissime che parlano della quotidianità degli uomini e delle donne, del suo paesaggio e del suo territorio piemontese. Da parte sua, Isaac si dichiara apertamente amante della canzone italiana e d’autore di Fabrizio De Andrè e Roberto Vecchioni. Bisogna rimarcare che Isaac e Conte cantano in duetto nel disco che l’artista catalano ha pubblicato nel 2015, “Joies italianes i altres meravelles”, dove interpretano “Que n’és de bella la lluna”. Nel 2012. hanno cantato insieme in occasione dell’evento ufficiale della “Diada de Catalunya”, che si celebra l'11 settembre. Sabato 13 aprile, porteranno Dues cultures, una sola marina anche a Formentera. Dues cultures, una sola marina è solo il primo di tre grandi concerti di artisti della canzone catalana, che saranno ospitati in città nel corso del 2019 grazie all’accordo di collaborazione tra Barnasants, Plataforma per la llengua e Comune di Alghero confluito l'anno scorso nel progetto triennale “Barnasants per la llengua”.

Il festival Barnasants, nato ventiquattro anni fa a Barcellona e cresciuto fino a diventare il progetto culturale più importante del suo genere in Europa, è il festival internazionale di riferimento della canzone d'autore, che si realizza ogni anno in gran parte del territorio catalano e realizza progetti culturali in tutti i territori del dominio linguistico. Nella Riviera del corallo, il progetto prevede un movimento di artisti tra i Paesi catalani ed Alghero, che porterà in città tre grandi concerti di musicisti internazionali e permetterà a due cantanti algheresi di rappresentare la propria città a Barcellona. Oltre a Conte ed Isaac, si esibiranno in concerto ad Alghero Borja Penalba i Mireia Vives (sabato 9 febbraio) al Teatro Civico, mentre Maria del Mar Bonet e Quico Pi de la Serra presenteranno il loro spettacolo in occasione del 25 aprile in Piazza Sulis. Naturalmente, è previsto anche il viaggio di ritorno. Saranno i cantanti Davide Casu (giovedì 21 febbraio) e Franca Masu (sabato 23 marzo) a portare Alghero a Barcellona durante questa edizione. Barnasants ad Alghero però non significherà solo musica. Infatti, i concerti saranno accompagnati da un piano di attività culturali ed educative con il doppio obiettivo di fomentare la lingua e la musica tra la gioventù e promuovere gli scambi culturali e musicali tra gli artisti algheresi (soprattutto i più giovani) ed i catalani.

Diverse le attività collaterali previste in occasione del primo grande concerto di sabato 19 gennaio: oggi (giovedì), alle 18.30, nella sala ex Avis del Liceo Classico, in collaborazione con la libreria Il Labirinto Mondadori, Joan Isaac presenterà il suo ultimo libro “Penso, per tant escric”. Interverranno Gustau Navarro Barba (responsabile della delegazione della Generalitat de Catalunya ad Alghero) e Raffaele Sari Bozzolo. Domani, alle 18.30, Isaac incontrerà gli studenti di musica dell’Associazione culturale musicale “Augusto Mordenti”, in Via De Gasperi 44. Sabato, alle 10.30, incontro del cantautore con gli studenti di musica della scuola media di Via Tarragona, in collaborazione con Paolo Zicconi. Il concerto Dues cultures, una sola marina è gratuito e i biglietti sono in distribuzione all’Ufficio turistico di Via Cagliari. La biglietteria del Teatro sarà aperta il giorno del concerto, a partire dalle 19. L'evento, realizzato in collaborazione tra Barnasants e Plataforma per lalLlengua, è patrocinato dal Comune di Alghero e dalla Fondazione Alghero e rientra nell’ambito della manifestazione Cap d’any “Més que un Mes”.

Nella foto: un momento della presentazione

Commenti

Fonte: Alguer

Abbandonati sulla “131”, tre cuccioli salvati dagli agenti della Stradale
Vagavano lungo la carreggiata nel tratto compreso tra Marrubiu e Arborea e hanno rischiato di morire

Foto Polizia Stradale

L’intervento di una pattuglia della Polizia stradale ha salvato tre cuccioli abbandonati lungo la strada statale 131, nella zona tra Arborea e Marrubiu.

Sono stati alcuni automobilisti in transito a segnalare la presenza di tre maremmani che rischiavano di essere travolti dalle auto in corsa, e di causare eventuali incidenti.

Gli agenti della Polstrada di Oristano hanno raggiunto la statale 131 ed hanno soccorso i cuccioli che vagagano impuniti in mezzo alle auto in corsa.

Grazie alla guardia zoofila dell’Enpa, la polizia ha trasferito i cagnolini al Dog Village di Arborea.

Un gesto importante quello degli agenti che ha permesso ai cuccioli di evitare una fine atroce.

Sul web si stanno cercando persone disposte ad adottare i cuccioli con appena due mesi di vita.

 

Fonte: Link Oristano

Sarda News

Offerte di Lavoro in Sardegna

Sinnai Notizie